www.faronotizie.it - Anno XVI - n. 181 - Maggio

Briciole di donne

Scritto da Antonella Antonelli il 1 novembre 2015
facebooktwitterfacebooktwitter

Sabine  Spielrein
In una lettera del 1909 Sabine rivelava a Freud: «È stato Wagner a portarmi nell’anima il demonio con terribile chiarezza. Voglio fare a meno delle metafore, perché forse lei riderà della esuberanza dei miei sentimenti. Il mondo intero era per me come una melodia: cantava la terra, cantava il lago, cantavano gli alberi, ramo per ramo» (Lettere a Freud, in A. Carotenuto, cit, p. 245).

Sabine era figlia di un ricco commerciante ebreo, Nikolaj Abramovič e di Eva Markovna (donna rigida e anaffettiva), nel 1904 si diplomò a pieni voti nel ginnasio di Rostov, ma sofferente da anni di una grave forma di isteria fu ricoverata nell’ospedale psichiatrico di Burgozli, nei pressi di Zurigo, dove divenne la prima paziente… (leggi tutto)