www.faronotizie.it - Anno XIV - n. 162 - Ottobre

Broccoli

Scritto da Giorgio Rinaldi il 4 novembre 2011
facebooktwitterfacebooktwitter

Il 19 e 20 ottobre scorsi si è tenuta a Madrid la 3^  Conferenza Sakata Broccoli.

La manifestazione si è svolta contemporaneamente a Fruit Attraction Trade Show ed è stata organizzata con le Associazioni “5 al dìa” e “+ Brocoli”.

La Sakata, come è noto, è la maggiore produttrice mondiale di broccoli e l’evento madrileno è stato molto importante per fare il “punto” sulle qualità, non solo organolettiche, di questo ortaggio, il cui consumo è ancora molto limitato nel mondo.

Nel nord Europa, eccezion fatta per il Regno Unito dove il consumo annuale pro-capite è di circa4 Kg, il consumo medio è di circa1,5 Kg, mentre nel sud Europa si scende a circa0,5 Kg.

Grazie a sulforafano, il broccolo è ricco di proprietà antiossidanti che, è noto, impediscono lo sviluppo delle cellule tumorali e di quelle responsabili dell’invecchiamento.

E’ ricco di vitamine A, C, B1 e B2, favorisce la formazione di emoglobina, ha grandi quantità di ferro, magnesio, fosforo e zolfo.

E’ antianemico, emolliente, diuretico, cicatrizzante, depurativo, vermifugo.

Gli studiosi indicano nell’Asia Minore, forse in Libano, le prime coltivazioni del broccolo (bracchium).

L’ortaggio è di colore prevalentemente verde ma è possibile trovarlo anche nella varietà violacea.

Appartiene alla famiglia delle crucifere e fa parte delle specie del cavolo e del cavolfiore.

Gli antichi romani iniziarono a coltivarlo ordinariamente, tant’è che ne parla anche Catone il Vecchio a proposito delle qualità medico-provvidenziali.

Lo usavano, infatti, oltre che per meglio assorbire l’alcool durante i banchetti, anche per curare ulcerazioni e ferite.

E’ coltivato, soprattutto, nel sud Italia, in Francia e in Spagna.

Ama i climi caldo-temperati.

Si può mangiare in diversi modi, ma la massima digeribilità è assicurata dal consumo crudo.

Nella cosmesi è utilizzato come maschera rigenerante del viso.

Cento grammi di broccoli forniscono circa 30 calorie, come i pomodori.

All’acquisto, il broccolo, la cui raccolta inizia in autunno e prosegue sino a primavera perché, una volta tagliato, la pianta continua a produrlo, si deve presentare chiuso, ben compatto e dal colore vivo.