www.faronotizie.it - Anno XVII - n. 189 - Gennaio

Vacanze 2012

Scritto da Massimo Palazzo il 1 settembre 2012
facebooktwitterfacebooktwitter

Vacanze 2012 dedicate al mare e destinazione Hvar isola della Dalmazia giudicata come una delle dieci piu’ belle del pianeta.
Che si arrivi dal mare o dalla strada dopo essere sbarcati dal traghetto in arrivo da Spalato non si può non rimanere estranei ad un fascino meritato. La citta’ di Hvar appare in tutto il suo bianco splendore, il colore e la trasparenza dell’acqua, il panorama di tutte le isole di fronte,  gli yatch ancorati,  le barche di ogni tipo, si percepisce subito di essere arrivati in  una località che non ci si pente di aver scelto.
Il centro cittadino e’ veramente attraente, la piazza centrale tutta in marmo bianco è la  più grande della Dalmazia con 4500 metri quadrati ,all’interno della stessa si trova la cattedrale di Santo Stefano con campanile rinascimentale,  un pozzo cittadino del 1529,  un antico teatro comunale fondato nel 1612 , una tesoreria con dipinti di pregio e un  arsenale la cui costruzione inizio nel tredicesimo secolo.
Alle spalle della piazza  la fortezza cinquecentesca  costruita nella metà del quattordicesimo secolo che domina la città dall’alto e dalla cui posizione si può ammirare un panorama mozzafiato.

La disponibilità per i bagnanti è enorme con scogliere basse lungo tutto il perimetro della passeggiata cittadina. Sono attrezzate di materassi, sdraio e ombrelloni,  bar , ristorantini ,  divertimenti acquatici. I prezzi, pur essendo Hvar un isola tra le più care, sono più accessibili rispetto ad una nostra località di mare. Se per scelta o per gusto non si desidera rimanere in città di fronte ad essa si estende in tutta   bellezza l’arcipelago Pakleni con le isole di Jerolin, Palmizana, Stipanska.
Sono facilmente e in poco tempo raggiungibili con i taxi boat al prezzo di 30/35 kune ( 4 euro) andata e ritorno dalle nove la mattina fino alle sette di sera ininterrottamente.  Anche qui le  spiagge sono  a scogliera,  con sdraio e materassi ovunque e   prezzi  del noleggio che variano dalle 25 alle 40 kune (   3,5 / 5 euro) ottimi ristoranti per tutti i gusti e prezzi sempre abbordabili.
Se non ci si vuole affidare per raggiungerle  ai taxi boat si può affittare qualsiasi imbarcazione, servono solo due minuti di corso e nessuna patente nautica . La più gettonata la barchetta con motore cinque cavalli. Uno spasso girare dalla mattina alla sera e far ridere tutti i bagnanti al momento dell’ attracco al molo ,al getto e al recupero dell’ ancora , alla risalita a bordo dopo un tuffo.  Ci sono passato e sono stato attore in diretta ma,  quante ne abbiamo viste riguardo  capitani improvvisati. Raggiungibili in giornata con gite organizzate o con aliscafo veloce l’isola di Brac con la spiaggia di Bol, un corno d’oro lungo 630 metri 300 dei quali protesi nel mare e che a seconda delle correnti marine punta ad est piuttosto che a ovest, Vis isola    molto piccola fino a pochi anni fa’  insediamento militare, infine korcula con un piccolo e stupendo paesino.

Le sistemazioni sono per tutte le tasche, gli hotel sono di ottimo livello ,  molto diffusi sono gli appatmani,  appartamenti di privati molto ben disposti e forniti di tutto. Quasi tutti parlano un ottimo inglese e la maggior parte parla e capisce  l’italiano. Hvar e’ diventata un’isola frequentata da molti  giovani che fanno vita notturna e si rivedono nel tardo pomeriggio,  molte coppie di tutte le età e  nazionalità  famiglie che, con l ‘ aggravante  della scogliera  penalizza  i bambini piccoli. Il clima è caldo senza umidità, piove raramente, il sempre presente vento Jugo  dona benessere  e diventa un   paradiso per i velisti.
Nei ristoranti il pesce fresco la fa da padrone, c’ è una scelta variegata e vasta  buone porzioni e prezzi .

Hvar è l’ isola delle cicale, dei vigneti, degli oliveti e della lavanda venduta ovunque, il profumo  intenso lo si sente ovunque.
Le strade sono in ottimo stato con molte soste panoramiche, i paesini di Jelsa , Starigrad e Vbroska non hanno niente di interessante da vedere ,  all’ estremita’ dell’isola  a ottanta km dal centro cittadino, l’ultimo paesino unisce   con una traversata breve l’isola alla terra ferma .

Hvar e’ raggiungibile dall’ Italia in aereo, in nave, in macchina, con quest’ultima si può arrivare a Spalato  tramite la nuova  autostrada oppure, con la  panoramica  strada costiera che merita per i paesaggi e per la possibile  visita di numerosi paesini interessanti.

In qualunque modo la si voglia raggiungere  a mio parere Hvar merita di essere visitata .