www.faronotizie.it - Anno XVI - n. 181 - Maggio

facebooktwitterfacebooktwitter

Franciacorta: un armonioso territorio collinare che, nel corso degli ultimi decenni, è divenuto il regno delle bollicine di altissima qualità. Stiamo parlando di una piccola area, a sud del Lago d’Iseo, in provincia di Brescia, che si distingue per una tradizione enologica antichissima. Pensate che già nel 1570 il medico bresciano Geronimo Conforto pubblicò un testo dal significativo titolo “Libellus de vino mordaci”, per la conoscenza dei vini della zona di Franciacorta.

Per la valorizzazione di questi vini eccezionali è nata sin dall’anno 2000 la Strada del Vino Franciacorta, grazie alla sinergia tra operatori privati, (aziende vitivinicole, produttori di prodotti tipici ed artigiani, alberghi, dimore storiche, ville in affitto, ristoranti, trattorie, osterie, wine bar, aziende agrituristiche, campeggi, enoteche, agenzie viaggi, campi da golf, noleggio biciclette ) ed enti pubblici e privati ( Comuni, Associazioni per la promozione del territorio). Un percorso di 80 km che ha, appunto, lo scopo di promuovere e sviluppare le potenzialità turistiche, in particolare legate al turismo enogastronomico, della Franciacorta.

A presiedere la Strada della Franciacorta è stata, di recente, nominata Francesca Moretti che succede a Gianluigi Vimercati Castellini e resterà in carica tre anni.

L’incarico a Presidente è un impegno che Francesca Moretti, responsabile del settore vitivinicolo del Gruppo Terra Moretti, ha intenzione di condurre proseguendo l’indirizzo indicato dal presidente uscente, nell’obiettivo di rendere sempre più efficace il sistema di sinergie tra operatori del territorio già da tempo avviato.

 “La Franciacorta – dichiara la neopresidente – è una splendida terra che in relativamente pochi anni rispetto alla storia di altri territori, si è affermata quale eccellenza enologica grazie alla consapevolezza che solo innalzando gli standard della propria offerta si possono ottenere due risultati contemporaneamente: sviluppo economico e tutela ambientale. Con la Strada del Franciacorta ci impegneremo sempre più affinchè questo territorio possa consolidare la propria identità di “destinazione turistica”, individuando interlocutori e mercati che siano in linea con il posizionamento del comparto vitivinicolo. Punteremo cioè alla qualità del turismo oltre che alla evidente attenzione per un incremento quantitativo del comparto”.

Insomma, l’Associazione si propone come punto di riferimento per turisti individuali, gruppi ed operatori, garantendo loro un supporto tecnico-organizzativo per ricevere informazioni e servizi, e suggerire itinerari. Ma ogni itinerario sarà da percorrere con un ritmo lento, assaporando i colori della Franciacorta e gustando con piacevoli soste nelle ospitali cantine le bollicine che tutti sognano.