www.faronotizie.it - Anno XVI - n. 181 - Maggio

Auguri ai nostri lettori

il 30 dicembre 2015
facebooktwitterfacebooktwitter

Un giorno, nell’antica Cina, gli studenti scorsero il loro maestro seduto sulla sponda di un fiume e gli chiesero: “Maestro, è ormai da molto tempo che osserva l’acqua che scorre. Cosa vede?”

Il saggio maestro non rispose subito alla domanda. Senza distogliere lo sguardo dall’acqua, rimase in silenzio. Infine disse:

“L’acqua ci insegna come vivere. Dovunque scorre, porta la vita e si distribuisce a tutti coloro che ne hanno bisogno. È buona e generosa.

Se il terreno è impervio, riesce a livellarlo. È equa.

Senza mai esitare, si precipita in gole strette e profonde. È coraggiosa.

Anche se la sua superficie è liscia e uniforme, può celare grandi profondità. È saggia.

È in grado di aggirare le rocce che ostacolano il suo corso. È indulgente.

Tuttavia è impegnata, giorno e notte, a rimuovere tutti gli ostacoli che incontra. È instancabile.

Per quanti meandri possa essere costretta ad affrontare non perde mai di vista la direzione della sua meta, il mare.  È determinata.

Per quante volte possa essere contaminata, si impegna imperterrita a ritornare pura. Ha la forza di rinnovarsi.

Questo è il motivo per cui osservo l’acqua. Mi insegna come vivere!

 

*****