www.faronotizie.it - Anno XVI - n. 181 - Maggio

L’incontro con i saperi ed i sapori della Mela Rosa

Scritto da Angelo Lo Rizzo il 1 dicembre 2015
facebooktwitterfacebooktwitter

nelle Marche all’ombra dei Monti Azzurri
con l’intervento degli allievi della Scuola alberghiera di Porto S.Elpidio

 

L’invito era particolarmente allettante. Giampiero Feliciotti, un vulcanico personaggio già Sindaco di Serrapetrona ed attualmente Presidente dell’Unione Montana dei Monti Azzurri, non ammetteva un rifiuto. Bisognava  comunque partecipare all’evento “Saperi e Sapori della Mela Rosa” in programma il 7e 8 Novembre a Monte San Martino, uno splendido paesino delle Marche collocato sopra un panoramico colle a strapiombo a 600 mt., cui fanno da sfondo i monti Sibillini e la dolcezza delle circostanti colline.

Sistemazione all’Agriturismo Bellavista, in piena campagna ma non lontano dal centro storico, accolti da Peter ed Antonella che ci hanno accolto con calore naturale e genuino. Si tratta di due altoatesini, lui di Appiano e lei di Bolzano, che da anni si sono sistemati in questa parte delle Marche dove, ci dicono, sono molti quelli che qui si sono trasferiti, anche dall’estero, e che si sono egregiamente integrati.

Feliciotti puntualmente ci viene a prendere per portarci a cena al Ristorante “dei Priori” sulla piazza principale del paese, accolti da Antonio con il figlio Andrea, mentre la moglie Angelica in cucina è intenta  a preparare gustose pietanze, ricche di fascino e di naturale ricercatezza.

Ma parliamo della “mela rosa”. E’ così chiamata per via della colorazione che assume quando è matura e il profumo di rose che emana quando è in fiore. Si tratta di uno dei frutti “antichi” dell’entroterra marchigiano, ma diffuso anche in tutto l’arco appenninico del centro Italia. Oggi è in atto una rivalutazione della “mela rosa” e la richiesta è in continuo aumento perchè biologica e per le sue caratteristiche di rusticità e organolettiche.

La curiosità ci ha spinto a visitare alcune aziende produttrici. Ne citiamo solo alcune come l’azienda agricola Pietrara che oltre alle mele produce anche olio e miele, e l’azienda agricola Gobbi che produce vari tipici di mele a conservazione naturale, acquistabili anche direttamente in azienda da ottobre a marzo in molte varietà (nostrana, gentile, ruzza, mantovana, rosona e tante altre ancora),

In occasione dell’evento si è svolto anche un affollato ed interessante convegno sul tema “La mela rosa e l’apicoltura marchigiana”. Un appuntamento importante per gli operatori ma anche per chi vuole semplicemente approfondire le proprie conoscenze o semplicemente scoprire il territorio, le sue eccellenze e le sue tradizioni. Al termine del Convegno c’è stato il trasferimento in vicini locali dove la Pro-Loco con l’ausilio degli allievi della Scuola alberghiera di Porto S.Elpidio, hanno servito un pranzo con piatti tutti realizzati alla “mela rosa”.