www.faronotizie.it - Anno XVI - n. 186 - Ottobre

facebooktwitterfacebooktwitter

Giovanni carissimo,
deve esserti apparso strano il cielo di un’alba crudele, di un sole avaro, tardivo ad illuminare e riscaldare il mondo, il tuo mondo, la vita, la tua vita. Deve esserti apparso strano il tuo mondo, quel microcosmo dove ogni tassello è l’intreccio della tua energia… (leggi tutto)

2 Responses so far.

  1. pat58 scrive:

    Un brivido mi ha percorso la schiena mentre leggevo, sulle prime non avevo capito… ho avuto bisogno di alcune telefonate di conferma… la dipartita di una persona mite, con cui ho condiviso il vicinato per molti anni e descritta con il tuo solito stile brillante, mi ha veramente commosso. Ma mi fa piacere pensare che ora, lontano dai nostri affanni, sia felice insieme a Peppino e Minuccia.

  2. Antonietta scrive:

    Giovanni vive ancora nelle nostre case sotto forma di quelle opere d’arte che ha creato per i suoi amici!
    Nel ricordo di felici serate trascorse insieme, presenza costante della mia infanzia, lo penso e lo saluto con affetto!
    Ciao Giovanni…
    Salutami chi sai tu….
    Antonietta