www.faronotizie.it - Anno XIV - n. 162 - Ottobre

Corsica, un sogno

Scritto da Giorgio Rinaldi il 1 maggio 2013
facebooktwitterfacebooktwitter

Per noi italiani dire Corsica significa richiamare alla memoria Napoleone.

Ma, in Corsica più che il “Grande Còrso” ricordano, con una certa nostalgia, una italianità che da secoli non c’è più.

E’ il destino dei popoli che, come mazzi di carte, sono passati da una mano all’altra in un tavolo di incalliti giocatori.

La Corsica vive il disagio comune a tutte le isole: i trasporti e i collegamenti con il resto del mondo.

Questo vale, però, per i collegamenti aerei (esluso il continente francese), anche se – dopotutto- la Corsica ha ben 5 aeroporti, mentre via mare le possibilità sono numerose.

Il tratto di mare più breve è quello che separa Bastia da Livorno, solo 4 ore a bordo di una comoda nave della Corsica Ferries – Sardinia Ferries, il cui servizio impeccabile e la sua buona cucina non possono non meritare una giusta segnalazione.

Superate le isole dell’Arcipelago Toscano, nitide si stagliano le coste corse e, come d’incanto, si presentano alla vista, incredibilmente, alte montagne innevate.

La Corsica non è solo un luogo di villeggiatura marina, ma anche una meta preferita per tutti gli amanti della montagna e del trekking.

All’occhio balza subito una certa similitudine con un’Italia degli anni ’60: chilometri di costa frastagliata, con meravigliose calette, con pochissime case attorno.

Qui la cementificazione selvaggia non esiste: di selvaggio c’è, per fortuna, solo l’ambiente !

Bravi i francesi!

Appagata la vista, anche gli altri sensi reclamano i propri diritti.

La Corsica non delude.

L’accoglienza turistica è all’altezza delle aspettative.

Gli alberghi sono molti e se ne trovano per tutte le tasche.

Collocati in posizione strategica per la vicinanza a Porti, aeroporti e spiagge, in Corsica si trovano alberghi che da soli fanno la vacanza, o la fanno ricordare.

Merita senz’altro d’essere ricordato l’Hotel Chez Charles, a Lumio, lungo la strada per Calvi, da pochissimo inaugurato, con camere originali, ben disegnate ed arredate, con splendida vista sul mare.

Ottimo anche il ristorante interno con servizio cordiale, presentazione di piatti che sono vere e proprie opere d’arte e cucina di altissimo livello.

Senza fare torto agli altri piatti gustati, una portata di ananas per l’elaborazione, il sapore e gli abbinamenti dello chef, hanno lasciatosenza parole (www.hotelcorse-chezcharles.com).

Analoga segnalazione per l’Hotel Castel Brando, a Erbalunga, piccolo porto di pesca ai piedi di Capo Corso, a 10 km da Bastia.

Struttura cosiddetta diffusa, immersa nel verde e nel contesto dell’affascinante villaggio.

Anche qui una bella piscina, un’ampia sala a vetri per le pétit déjeuner e tanto relax (www.castelbrando.com).

A Calvi l’imponente Hotel La Villa è una vera meraviglia (www.hotel-lavilla.com).

Situato su una dolce collina, domina tutto il golfo della cittadina corsa, con l’acqua delle piscine che si confonde, alla vista, con quella del mare.

Livello molto alto con ristorante interno all’altezza.

Una delle strutture più belle ed affascinanti che si possono incontrare viaggiando è l’Hotel La Signoria (www.hotel-la-signoria.com), dimore sparse in mezzo al verde con piscine private, camere e suite personalizzate, piante odorose, rose, aranci, limoni… e scenari naturali incredibili.

La SPA non trova eguali, sontuosa l’ubicazione, regale l’hammam e originalissima la piscina circolare idromassaggiante: tutti i prodotti usati per il corpo rigorosamente naturali.

Il ristorante è imbattibile per eleganza, servizio e -soprattutto- per l’eccellenza del cibo, della sua preparazione e presentazione.

Vicina al piccolo aeroporto di Calvi, da sola questa meraviglia merita un viaggio in Corsica.

Non è un caso che spesso e volentieri l’attore Stefano Accorsi con l’attrice di origini corse Laetitia Casta vi soggiornino.

Il proprietario, Jean Baptiste Ceccaldi, uomo affabile e di grande signorilità, ha scelto con sapienza gli arredi comprando in tutto il mondo mobilio e suppellettili ad aste antiquarie: il risultato, a ben vedere, ha premiato gli sforzi.

Per chi vuole gustare la tradizione culinaria corsa, quella verace che ignora gli altri sensi e punta dritta solo al gusto, non può non fare una capatina a Cateri, uno dei vecchi paesi della Balagne.

Qui troviamo il ristorante Chez Leon (www.hotel-corse-usandume.com/restaurant-chez-leon.html) dove abbiamo gustato il miglior capretto al forno a nostra memoria.

Per gli amanti dell’agnello e -soprattutto- del capretto, questa è una meta da tenere in debito conto.

Per i cultori delle aragoste (l’isola ne è ricca di prelibatissime), del pesce, dei gamberetti, dei piccioni, dei salami, dei prosciutti…tutti i ristoranti sono pronti a soddisfare ogni richiesta: a Bastia uno dei più rinomati della città vecchia è il ristorante Le Guasco, ubicato in un antico frantoio (www.leguasco.com).

In tutta l’isola poi sono da gustare (e acquistare per portare con sè) i formaggi, specialmente caprini, e il miele, una vera bontà.

Gli amanti dei famosi mercatini delle pulci qui hanno la loro Bengodi, per tutta l’Isola se ne trovano e fanno ritrovare il gusto della “scoperta” per i tanti oggetti particolare che è facile trovare.

Il nord della Corsica, con la regione della Balagne (da tutti conosciuta come “il Giardino della Corsica”) e l’Isola Rossa (stazione balneare in piena espansione), non deluderà il visitatore, che si troverà tra un bellissimo mare ed invitanti montagne, senza trascurare le antiche e fascinose Calvi e Bastia (quest’ultima ha la più grande piazza di Francia) e i tanti piccoli paesini.

Tra le tante curiosità che l’alta Corsica offre, da non dimenticare una visita al Parco Botanico di Saleccia, per avere la possibilità di ammirare, in un percorso ad hoc, l’arte dei giardini ed un grandissimo numero di piante mediterranee.

Se si ha la fortuna di incontrare in un viaggio in Corsica una persona del calibro, della gentilezza e disponibilità di Stéphan Orsoni, dell’Agenzia del Turismo della Corsica, tutto diventerà più facile e il soggiorno si arricchirà di tante scoperte culturali.

Per un bellissimo viaggio in Corsica, il riferimento per il turista italiano è sicuramente l’Agenzia per il Turismo Francese Atout-France (www.atout-france.fr), ove l’infaticabile e preziosa responsabile per l’Italia Barbara Lovato coordina tutta l’attività dell’offerta turistica francese.

Buona Corsica!