www.faronotizie.it - Anno XIV - n. 159 - Luglio

Lettera al Sindaco di Mormanno

Scritto da Maria Teresa Armentano il 1 settembre 2012
facebooktwitterfacebooktwitter

Pubblichiamo la lettera di Maria Teresa Armentano al Sindaco Armentano sulla decisione presa dal Comune di Mormanno di “tagliare” gli alberi del cimitero:

Gent.mo Sindaco Armentano,
ho partecipato il 24 u.s. alla presentazione del libro di poesie “Memoria di alberi recisi”, manifestazione di grande valore indetta dall’Assessore Armentano.

Ricordavo il cimitero dove andavo a visitare la tomba dei miei nonni paterni arricchito dagli alberi e non ho voluto cancellarne la memoria dopo lo scempio.

Da ambientalista convinta, penso che il compito di una buona Amministrazione sia la salvaguardia e la tutela del paesaggio. Il Cantico delle Creature di Francesco d’Assisi sarebbe una lettura utile anche per gli amministratori.

D’altra parte con Lei avevamo discusso a proposito della riattivazione della Centrale del Mercure senza persuaderlo delle nostre buone ragioni ; si lottava ,infatti, contro l’illegalità delle procedure e la malafede di chi attentava al territorio e alla salute con il ricatto del lavoro inesistente.

Ora che il Consiglio di Stato ha dato ragione a quanti si battevano per preservare il nostro patrimonio, noi continuiamo nel nostro impegno con la speranza che anche la sua Amministrazione voglia mettere in atto azioni per valorizzare l’ambiente naturale e le bellezze di cui gode Mormanno, paese originario della mia famiglia.

Sarebbe certo un gesto di grande significato la pubblicazione delle poesie che tanti poeti hanno dedicato alla memoria corredata da un suo scritto in cui sia palese l’impegno dell’Amministrazione a tutelare la bellezza dei nostri luoghi,in un periodo in cui i boschi del Parco sono minacciati da incendi dolosi.

Un albero reciso è un danno alle generazioni future.

Mi auguro che si possa rimediare parzialmente con una maggiore attenzione all’esistente.

Cordiali saluti e auguri di buon lavoro.
Maria Teresa Armentano