www.faronotizie.it - Anno XIV - n. 162 - Ottobre

Vive la France

Scritto da Giorgio Rinaldi il 5 dicembre 2011
facebooktwitterfacebooktwitter

Quando si immagina la Francia come meta turistica, il pensiero corre –inevitabilmente- alla cultura, al buon vivere, alla buona cucina.

Il pensiero non è fallace, perché così é.

La Francia è una miniera di cultura e di grande storia.

La Francia è cosciente di queste sue ricchezze e da anni le offre al mondo utilizzando strutture capaci ed efficaci.

Una di queste è Atout France nata per sviluppare l’offerta turistica francese, sostenendone la competitività del settore economico.

L’attività di promozione è svolta da 36 uffici all’estero e quello italiano, che noi conosciamo, è davvero di altissima professionalità.

Nel marasma delle offerte turistiche che giungono da più parti, Atout France è riuscita a ritagliarsi uno spazio ben preciso assicurando conoscenze serie e dettagliate.

Così, si ha l’opportunità di avere un quadro estremamente chiaro della Francia e del suo patrimonio, cui contribuisce anche il “Club Patrimoine et Culture” (www.franceguide.com/culture), creato nel 1992, che riunisce 54 organismi e siti che hanno il compito di promuovere il patrimonio culturale francese.

Alcune cifre:
-  40.000 monumenti protetti, di cui 10.000 castelli, abbazie, manieri, chiese;
-  30 siti riconosciuti dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità;
-  6000 musei;
-  500 festival, stagioni teatrali, concerti, opere, danza, rievocazioni storiche etc.

In questa strabiliante offerta, i cui numeri prima citati non sono certo esaustivi, accanto alle tante mete più o meno conosciute, ce ne sono alcune che  meritano una particolare attenzione.

Una di queste, riservandoci per il futuro di trattarne altre, è il Castello del Clos Lucé, dove visse i suoi ultimi anni il più grande genio di tutti i tempi: Leonardo da Vinci.

Nel castello, che fu di Francesco I°, si possono ammirare ben 40 macchine avveniristiche per l’epoca, che alcune animazioni in 3D rendono fruibili per i visitatori perché ne fanno comprendere il funzionamento.

E’ possibile ammirare anche, utilizzando una mostra appositamente preparata, tutti i grandiosi progetti che il genio aveva approntato per il re: feste sontuose, il palazzo e la città ideale di Romorantin, la scalinata di Chambord e tanto altro.

 Il Castello si trova ad Amboise, nella Valle della Loira, a un’ora di treno da Parigi.

Ogni informazione utile è possibile ottenerla sul sito del castello:
www.vinci-closluce.com oppure www.franceguide.com .