www.faronotizie.it - Anno XIV - n. 162 - Ottobre

Spigolature

Scritto da Francesco M.T.Tarantino il 1 ottobre 2015
facebooktwitterfacebooktwitter

Lettera di Giuda 1, 10-13

“Questi, invece, parlano in maniera oltraggiosa di quello che ignorano, e si corrompono in tutto ciò che sanno per istinto, come bestie prive di ragione. Guai a loro! Perché si sono incamminati per la via di Caino, e per amor di lucro si sono gettati nei traviamenti di Balaam, e sono periti per la ribellione di Core.

Essi sono delle macchie nelle vostre agapi quando banchettano con voi senza ritegno, pascendo se stessi; nuvole senza acqua, portate qua e là dai venti; alberi d’autunno senza frutti, due volte morti, sradicati; onde furiose del mare, schiumanti la loro bruttura; stelle erranti, a cui è riservata l’oscurità delle tenebre in eterno.”

Onde evitare qualsiasi equivoco, diciamo subito che Giuda, l’estensore della Lettera, non è da confondere con Giuda Iscariota (quello che vendette Gesù per trenta denari), ma è, come si dichiara egli stesso, il fratello di Giacomo, non l’apostolo ma il primo responsabile della chiesa di Gerusalemme che Paolo chiama: il fratello del Signore (cfr Lettera ai Galati cap 1, versetto 19 ), di conseguenza possiamo dire che in qualche modo, se non fratello, questo Giuda, è un fratellastro di Gesù di Nazareth… (leggi tutto)