www.faronotizie.it - Anno XIV - n. 163 - Novembre

Agrietour, unico evento in Italia dedicato all’agriturismo

Scritto da Franca Vitone il 4 novembre 2011
facebooktwitterfacebooktwitter

decima edizione

Agrietour è il Salone dell’Agriturismo italiano,  promosso ed organizzato da Arezzo Fiere e Congressi con il contributo tecnico delle tre organizzazioni nazionali dell’agriturismo e cioè Agriturist, Terra Nostra e Turismo Verde. E’ una vera e propria vetrina degli agriturismi e dei territori( zone rurali a vocazione turistica, strade del vino, regioni, province, comunità montane, parchi ed oasi) ma anche rassegna di tutte le ultime novità di fornitori e servizi per la realizzazione e la conduzione di un agriturismo.
Numerosi eventi accompagneranno le giornate del Salone: dal Concorso gastronomico, in cui gli agriturismi presentando ricette della tradizione si confronteranno a colpi di piatti, al Festival della Cucina Contadina, in occasione del quale i visitatori potranno assaggiare i piatti della tradizione alla scoperta delle produzione tipiche delle varie regioni italiane. In più ci sarà anche un’area dedicata ai bambini e alle famiglie per conoscere – giocando – il mondo delle fattorie italiane. Animali, laboratori, attività ludiche, merende tradizionali… il modo migliore per imparare giocando.

Non mancheranno i Convegni a livello nazionale ed europeo sulle principali tematiche afferenti all’Agriturismo. Nei tre giorni del Salone sono previsti molti convegni, aperti al pubblico,dedicati ai temi dell’agriturismo italiano.

Insomma agricoltura e turismo vanno sempre più a braccetto. L’agriturismo è davvero una vacanza diversa in quanto il turista che soggiorna in un’azienda agricola diventa l’amico-ospite e non il semplice cliente, della famiglia coltivatrice. Agriturismo vuol dire quindi: agri-alloggio, agri-ristoro, agri-provvista,agri-ricreazione, agri-ecologia. E, in definitiva, last but not least, produce occupazione, favorisce l’insediamento umano, conserva e valorizza il paesaggio e l’ambiente, aprendo nuovi orizzonti a quella che – a buon diritto – si può chiamare la maggiore industria nazionale: il turismo.