www.faronotizie.it - Anno XV - n. 169 - Maggio

Archive for the ‘Terremoto’ Category

Amatrice tra passato e futuro

Scritto da Emanuela Medoro

“Oddio, cosa sta succedendo!” esclamai svegliata di soprassalto, alle 3 e 36 del 24 agosto 2016.  Con sgomento notai che era quasi la stessa ora del terremoto dell’Aquila dell’aprile 2009, mentre un rumore martellante e cavernoso si accompagnava allo scuotimento prolungato di tutte le cose intorno a me, finestre, mura,  [ Read More ]

Il verbo ricostruire è definito su un buon dizionario della lingua italiana come segue: 1. Costruire di nuovo, 2. Riprodurre un fatto o una vicenda servendosi degli elementi noti, 3.Ricondurre un testo all’origine cercando di integrarne le lacune e di correggerne le alterazioni. Per il sostantivo ricostruzione il dizionario aggiunge:  [ Read More ]

Pio Borgo un anno dopo

Scritto da Francesco Aronne

Ad un anno dal terremoto, con grande fatica, il Pio Borgo cerca di rialzarsi. Il primo ciclo di interventi di messa in sicurezza è stato quasi ultimato. Resta chiusa Via Alighieri che porta la Faro e che qualche disagio per la ricorrenza novembrina lo ha creato… (leggi tutto)

Sisma e sogni

Scritto da Giuseppe Sola

  Davanti alla macchina da presa di Filippo il bel viso di Raffaella non nasconde tutte le emozioni di questi ultimi mesi, le sue parole sono di speranza “ abbiamo deciso di ritornare nella nostra terra senza pretendere nulla in cambio, dobbiamo riappropriarci del nostro territorio delle nostre vite, questo  [ Read More ]

Pio Borgo Baustelle

Scritto da Francesco Aronne

Album di foto… per chi non ritorna (clicca qui)

Ora affrontiamo il sisma

Scritto da Giuseppe Sola

A distanza di sette mesi dal sisma che colpito il nostro comune ritengo necessario che l’Amministrazione e i Partiti politici  affrontino il grave problema in termini diversi da come lo si è affrontato finora. Fermo restando l’apprezzamento per il lavoro svolto dal Sindaco e dai suoi collaboratori, registro un malessere  [ Read More ]

Nessuno si salva da solo

Scritto da Giuseppe Sola

Sono le 6,00 del mattino. Un nuovo  giorno, presto per chi ha un lavoro normale, normale per chi deve iniziare quando gli altri si svegliano. Il corso è deserto quando lo attraverso. Quatto cani per strada, con il loro piscio segnano il confine di un nuovo territorio. Una zona, un  [ Read More ]

In questi 5 mesi trascorsi dal terremoto mi è stata chiesta in più di una occasione, da parte di amici e conoscenti di altri paesi, la situazione del Pio Borgo nel dopo terremoto… (leggi tutto)

Vorrei ricongiungermi con la mia casa

Scritto da Raffaella Santulli

La casa è il luogo dell’essere, del mio esserci, ha la mia deformità, la mia semplicità, è un carapace che avvolge la mia storia. Ci trovo l’ombra del mio passato, sento il silenzio di mio padre, mi perdo dentro il mistero e mi riposo. Ora quella tana, dove tutto è  [ Read More ]

Prospetto dei contributi